Stabilimenti/unità produttive che utilizzano “sostanze pericolose”: invio relazione tecnica entro il 28/08/2021

Entro il 28/08/2021 i gestori di stabilimenti ed installazioni (in esercizio al 28/08/2020) in cui sono utilizzate nei cicli produttivi sostanze o miscele classificate come cancerogene o tossiche per la riproduzione o mutagene (frasi di rischio: H340, H350, H360), con tossicità e cumulabilità particolarmente elevata, estremamente preoccupanti dal Regolamento REACH (Reg. UE 1907/2006), devono inviare all’Autorità competente una relazione nella quale si analizza la disponibilità di alternative, si considerano i rischi e si esamina la fattibilità tecnica ed economica relativamente alla sostituzione delle predette sostanze.

Tra gli adempimenti, derivanti dal D.Lgs. 102/2020, entrato in vigore il 28/08/2020, è previsto inoltre che gli stessi soggetti dovranno poi presentare una domanda di autorizzazione entro il 01/01/2025 fatta salva la possibilità per l’Autorità competente di anticipare detta scadenza sulla base della relazione di cui al precedente periodo o in occasione di aggiornamento o di rinnovo dell’autorizzazione già in essere. Al fine di valutare l’eventuale applicabilità delle misure previste dal comma 7-bis dell’art. 271 del D.Lgs. 152/2006 e dell’art. 3 del D.Lgs. 102/2020 il gestore dovrà quindi esaminare le schede di sicurezza aggiornate delle materie utilizzate nei cicli produttivi da cui si originano le emissioni.

Albo gestori ambientali: novità per le iscrizioni in Categorie 2-bis, 4 e 6 e proroga termini di validità

Con Deliberazione n. 7 – 8 e 9 del 28/07/2021, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali è intervenuto su alcuni aspetti; in particolare:
Deliberazione n. 7/2021 relativa all’adeguamento delle iscrizioni nelle categorie 4 e 2-bis a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs n. 116/2020, con chiarimenti relativi ai rifiuti elencati nell’allegato L quater e prodotti delle attività di cui all’allegato L quinquies del medesimo decreto.
Deliberazione n. 8/2021 modifica la modulistica per il rinnovo dell’iscrizione all’Albo nella categoria 6 per le imprese che effettuano il trasporto transfrontaliero dei rifiuti.
Deliberazione n. 9/2021 modifica ed integra le deliberazioni n. 6/2017 e n. 1/2021 relativamente ai requisiti del responsabile tecnico.
Infine, si sottolinea come con Circolare n. 9 del 29/07/2021 vengono forniti chiarimenti sulla proroga dello stato di emergenza legato all’emergenza COVID-19; da essa si evince come le iscrizioni in scadenza nell’arco temporale compreso fra il 31/01/2020 e il 31/12/2021 conservano la loro validità fino al 31/03/2022, fermo restando l’efficacia dei rinnovi deliberati nel suddetto periodo.

Criteri Ambientali Minimi (CAM): novità per prodotti tessili e DPI e veicoli

In data 14/07/2021 è stato pubblicato il Decreto 30/06/2021 del Ministero della Transizione Ecologica di adozione dei criteri ambientali minimi per forniture e noleggio di prodotti tessili, ivi inclusi mascherine filtranti, dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale nonché servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili. Esso entra in vigore il 12/09/2021.
Nel decreto vengono definite le specifiche tecniche (sostanze chimiche, requisiti prestazionali, criteri premianti, eccetera) che i prodotti devono rispettare e che le stazioni appaltanti pubbliche hanno l’obbligo di richiedere.
Infine si evidenzia come entrerà in vigore il 30/10/2021 il Decreto 17/06/2021 che stabilisce i criteri ambientali minimi per l’acquisto, leasing, locazione, noleggio di veicoli adibiti al trasporto su strada.
Tali requisiti riguardano: acquisto, leasing, locazione, noleggio di veicoli adibiti al trasporto su strada; acquisto di grassi ed oli lubrificanti per veicoli adibiti al trasporto su strada; servizi di trasporto pubblico terrestre, servizi speciali di trasporto passeggeri su strada, servizi di trasporto non regolare di passeggeri, servizi di trasporto postali su strada, di trasporto colli, di consegna postale, di consegna colli e per l’acquisizione dei veicoli e dei lubrificanti nei servizi di raccolta di rifiuti.

Decreto COVID (DL n.105/21) in Gazzetta: Green Pass e colori Regioni, tutte le novità

In data 23/07/2021 è stato pubblicato il nuovo DL 105/2021 “COVID-19” approvato dal Consiglio dei Ministri del 22/07/2021; esso prevede:
a partire dal 6 agosto, restrizioni personali all’accesso ad alcune attività per chi non sia in possesso di Green Pass o test molecolare antigenico (attività di ristorazione, di pubblico spettacolo, concorsi, ecc.);
zone epidemiologiche: all’incidenza dei contagi si aggiungono altri parametri che condizionano la permanenza o l’ingresso in una specifica area;
previste sanzioni per gestori di attività che non facciano rispettare le regole previste dal Decreto;
previsto un Fondo discoteche per i ristori alle sale da ballo (che resteranno chiuse) e ha richiesto l’elaborazione di un protocollo d’intesa del Ministero Salute con le farmacie e con le altre strutture sanitarie al fine di assicurare fino al 30/09/2021 la somministrazione di test antigenici rapidi a prezzi contenuti che tengano conto dei costi di acquisto.

Nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti: novità sul RENTRI

L’Albo Nazionale Gestori Ambientali informa che nell’ambito delle proprie attività svolte per la realizzazione di un prototipo di Registro Elettronico Nazionale (RENTRI), finalizzato a verificare funzionalità e fruibilità dello stesso, è stato predisposto un apposito portale raggiungibile all’indirizzo https://www.rentri.it.
I soggetti interessati (imprese tenute all’iscrizione al Registro elettronico nazionale di cui all’articolo 188-bis individuate dall’articolo 6, comma 3, del decreto-legge n. 135 del 2018) possono accedere nell’apposita sezione dedicata al laboratorio sperimentale per prendere visione del progetto e consultare la documentazione tecnica resa disponibile all’indirizzo https://prototipo.rentri.it.

MUD 2021: sanzioni per eventuale presentazione in ritardo

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) per l’anno 2021 prevede la trasmissione dei dati relativi ai rifiuti gestiti nel corso del 2020 alla CCIAA competente entro il 16/06/2021.
Tuttavia, se la comunicazione è effettuata entro il sessantesimo giorno (15/08/2021) dalla scadenza del termine stabilito, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 26 € a 160 €. La medesima sanzione ridotta si applica in caso di invio in sostituzione di una precedente dichiarazione inesatta o incompleta, già inviata tempestivamente entro la scadenza ordinaria.

CONAI: adempimenti in scadenza al 30/09/2021

Per gli importatori di merci imballate che hanno scelto di stimare il contributo ambientale CONAI da pagare sulla base di procedura semplificata con calcolo forfetario sulla base del fatturato dell’anno precedente, è necessario inviare la specifica modulistica di dichiarazione del contributo entro il 30 settembre.