Notiziario 09.20 | Normative e Scadenze

Applicazioni e rischi per la salute derivanti dall’ozono: documento INAIL-ISS

Da INAIL e ISS è stata recentemente pubblicata una pubblicazione sull’utilizzo dell’ozono nella pratica industriale. Secondo l’ISS attualmente in Italia l’ozono può essere commercializzato ed usato esclusivamente come sanificante; per l’eventuale uso come disinfettante vale a dire come prodotto specificamente atto a combattere, ovvero a ridurre, eliminare, rendere innocui i microorganismi occorre attendere il completamento della valutazione a livello europeo ai sensi del Regolamento (UE) 528/2012 sui biocidi.
Secondo INAIL inoltre i generatori di ozono vanno utilizzati previa opportuna valutazione del rischio, adottando adeguate misure organizzative in modo da effettuare in totale sicurezza il processo di sanificazione; risulta pertanto sconsigliato l’impiego in ambito domestico da parte di operatori non professionali.

Albo Nazionale Gestori Ambientali: scadenza rinnovo iscrizioni categoria 2-bis

Si ricorda a tutte le imprese iscritte in cat. 2-bis dell’Albo nazionale gestori rifiuti (trasporto propri rifiuti – produttori iniziali) che, come previsto dalla normativa vigente, la durata dell’iscrizione è decennale.
Il 25 dicembre 2020 scadranno tutte le iscrizioni rilasciate dal 15 aprile 2008 al 25 dicembre 2010 (data di entrata in vigore del D.lgs. 205/2010).
La domanda di rinnovo può essere inviata a partire da 5 mesi prima della scadenza, come previsto dal regolamento dell’Albo (D.M. 120/2014).
Prima dell’invio della domanda di rinnovo, si ricorda all’impresa di verificare i dati della propria iscrizione (targhe veicoli, attività svolta e codici rifiuto autorizzati) e a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni.

Medi impianti di combustione: pubblicato il D.Lgs. n.102/2020 sulla limitazione delle emissioni

Il Decreto Legislativo 30 luglio 2020, n. 102, entrato in vigore il 28 agosto 2020, regola le emissioni in atmosfera degli inquinanti prodotti da “medi” impianti di combustione; tale decreto modifica sensibilmente il D.Lgs. 152/06 e s.m.i. (artt. 268-273 bis e 279, 281, 283, 284, allegati I IV, VI e IX alla Parte V) ed integra il contenuto del D.Lgs. n.183/2017 di attuazione della direttiva (UE) 2015/2193.
Il nuovo provvedimento interviene su alcuni punti della norma con l’intento di razionalizzare e semplificare le procedure autorizzatorie, rendere più efficaci i controlli, rivedere il regime sanzionatorio, sia con riferimento alle imprese, che ai privati gestori di impianti di combustione. Vengono inoltre introdotte alcune nuove definizioni (p.es. emissioni odorigene) e modificate alcune in essere (p.es. solvente organico)

Pacchetto Direttive su “Economia Circolare”: quattro decreti approvati in via definitiva

Il Consiglio dei ministri n. 61 dell’8 agosto 2020 ha definitamente approvato alcuni decreti di adozione delle normative europee Dir. 2018/849, Dir. 2018/850, Dir. 2018/851 in materia di rifiuti da veicoli fuori uso, pile e accumulatori, discariche e imballaggi.

Le Direttive 2018/849, 2018/850, 2018/851, che fanno parte di un Pacchetto ancora inattuato in Italia, incidono sulla normativa nazionale in materia di rifiuti, discariche e veicoli fuori uso e sono:

  • direttiva (UE) 2018/849 UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche e veicoli fuori uso
  • direttiva (UE) 2018/850, sulle discariche di rifiuti
  • direttiva (UE) 2018/851, sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Radiazioni ionizzanti: pubblicato il D.Lgs. n.101/2020

Dal 27 agosto 2020 è in vigore il Decreto Legislativo 31 luglio 2020, n. 101 “Attuazione della direttiva 2013/59/Euratom”, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom e riordino della normativa di settore in attuazione dell’articolo 20, comma 1, lettera a), della legge 4 ottobre 2019, n. 117”.

Tra le novità più rilevanti si segnala come il responsabile della sorveglianza sanitaria ha la possibilità di richiedere che la sorveglianza prosegua anche dopo l’esposizione, per il periodo di tempo che ritiene necessario per proteggere la salute del lavoratore. E’ previsto inoltre che venga informato il lavoratore stesso riguardo all’opportunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell’attività lavorativa come avviene già oggi per l’esposizione all’amianto; la sorveglianza sanitaria in corso del rapporto di lavoro resta a carico del datore di lavoro.


CONAI: adempimenti in scadenza a settembre 2020

Si ricorda che i produttori di imballaggi e gli importatori di imballaggi vuoti o di merci imballate (“imballaggi pieni”), che inoltrano a CONAI dichiarazione del contributo ambientale con periodicità mensile, entro il 20/09/2020 sono tenuti ad inoltrare a CONAI, il modulo di dichiarazione:

  • mod. 6.1 per i produttori o importatori di imballaggi e/o materiali di imballaggio;
  • mod. 6.2 per gli importatori di merci imballate;
  • mod. 6.10 per gli importatori/esportatori che hanno adottato la procedura di compensazione import/export.

Per gli importatori di merci imballate che hanno scelto di stimare il contributo ambientale CONAI, da riconoscere sulla base di procedure semplificata con calcolo forfettario sulla base del fatturato dell’anno precedente, è necessario inviare la specifica modulistica di dichiarazione del contributo entro il 30/09/2020.

 

Fonti accreditate web

© PASS SRL | C.F. e P.IVA 01756130389 | Via Cairoli, 22 - 44121 Ferrara | Tel +39 0532 247713 | Fax 0532 215574 | passferrara@pec.it | © 2020. ALL RIGHTS RESERVED. POWERED BY PIXEL CREW | PRIVACY POLICY & COOKIE POLICY