Agosto 2017 | Aggiornamento normativo e scadenziario

NewsNormativeCommenti disabilitati su Agosto 2017 | Aggiornamento normativo e scadenziario

Riepiloghiamo di seguito le ultime novità normative entrate in vigore, ricordando le relative scadenze/adempimenti.

Classificazione rifiuti e modifiche Codice Ambiente: ultime novità entrate in vigore

All’interno del DL 20 giugno 2017, n. 91 che detta “Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno”, in vigore dal 21/06/2017, è contenuta una modifica al Codice Ambiente (D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) aggiornando i riferimenti normativi in materia di classificazione dei rifiuti e applicazione dei codici CER.

L’Articolo 9 del DL n.91/2017 sostituisce i numeri da 1 a 7 della parte premessa all’introduzione dell’allegato D alla parte IV del Codice Ambiente (D.Lgs. 152/06 e s.m.i.) con la seguente dicitura: «1. La classificazione dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice CER ed applicando le disposizioni contenute nella decisione 2014/955/UE e nel regolamento (UE) n. 1357/2014 della Commissione, del 18 dicembre 2014». Nell’attuale revisione dell’Allegato D vengono richiamati i contenuti della Decisione 2014/955/UE che dal 01/06/2015 ha fatto entrare in vigore il nuovo regolamento CLP (Reg. UE 1278/2008) e contestualmente ha aggiornato l’elenco dei codici CER e modificata la codifica per le caratteristiche di pericolo (HP).

Comunicazione imprese che eseguono attività riguardanti materiali e oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA): novità e adempimenti

Con la Circolare n. 29569 del 17/07/2017 il Ministero della Salute ha comunicato nuove precisazioni sulla Comunicazione e sulle istruzioni di compilazione del Modello di Comunicazione GMP / MOCA (D.Lgs. 29/2017). Gli operatori che effettuano produzione di MOCA (Materiali e Oggetti Destinati a venire a Contatto con Alimenti) o attività di vendita all’ingrosso di MOCA devono effettuare comunicazione, in adempimento dell’articolo 6 del D.Lgs. 10 febbraio 2017 n.29. In particolare sono tenuti a comunicare all’autorità sanitaria, territorialmente competente, gli stabilimenti che eseguono tale attività. Per gli insediamenti esistenti tale comunicazione doveva essere effettuata tramite SUAP entro il 31/07/2017; le nuove attività dovranno effettuare tale comunicazione contestualmente all’apertura.

Gli operatori che non adempiono a tale obbligo sono soggetti ad una sanzione amministrativa pecuniaria che può variare da 1.500 a 9.000 €.

Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.): novità introdotte dal D.Lgs. 16/06/2017 n. 104

Il Decreto Legislativo 16/06/2017, n. 104 modifica la Parte II e i relativi allegati del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.; tra le novità più significative introdotte dal decreto si segnala:

  • nuova definizione di “impatti ambientali” e eliminazione, per la verifica di assoggettabilità a VIA – “screening VIA”, dell’obbligo, per il proponente, di presentare gli elaborati progettuali (progetto preliminare o studio di fattibilità);
  • abrogazione del D.P.C.M. 27/12/1988, recante le norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale (SIA), e sua sostituzione con il nuovo Allegato VII alla Parte II del D.Lgs.152/06 e s.m.i.;
  • eliminazione della fase di consultazione del pubblico nella procedura di verifica di assoggettabilità a VIA – “screening VIA”, non richiesta dalla normativa europea;
  • introduzione di regole omogenee per il procedimento di VIA su tutto il territorio nazionale e conseguente rimodulazione delle competenze regionali;
  • completa digitalizzazione degli oneri informativi a carico dei proponenti (eliminazione integrale degli obblighi di pubblicazione sui mezzi di stampa).

F-gas: nuove disposizioni per produttori, importatori, esportatori o utilizzatori in vigore dal 15/08/2017

Il Regolamento UE n.1191/2014, riguardante la gestione dei gas fluorurati ad effetto serra prevede l’obbligo di comunicare, entro il 31 marzo di ogni anno, le quantità di gas gestite nell’anno precedente da parte di determinate categorie di produttori, importatori, esportatori o utilizzatori di questi gas. Si ricorda invece che coloro che effettuano installazione e/o manutenzione di impianti contenenti gas fluorurati ad effetto serra devono presentare, la dichiarazione F-gas riferita all’anno precedente entro il 31 maggio di ogni anno.

Dal 15/08/2017 le principali novità introdotte dal Regolamento UE n.1191/2014 che diventeranno operative risultano:

  • per verificare il rispetto dell’obbligo d’invio della comunicazione, prima di svolgere le attività oggetto della comunicazione le imprese devono registrarsi sul sito web della comunicazione;
  • nella sezione 1 della comunicazione, riguardante i produttori di fgas, occorre ora indicare anche i quantitativi di idrofluorocarburi (HFC) prodotti per essere impiegati come materie prime;
  • nella sezione 4, riguardante produttori e importatori, è stata modificata la formula per il calcolo del quantitativo totale immesso fisicamente in commercio.
Fonti: informativa 07/2017 - www.ambientesicurezza.it.

© PASS SRL | C.F. e P.IVA 01756130389 | Via Cairoli, 22 - 44121 Ferrara | Tel +39 0532 247713 | Fax 0532 215574 | passferrara@pec.it | © 2018. ALL RIGHTS RESERVED. POWERED BY PIXEL CREW | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY